header_magazine_personal

Last Minute Sotto Casa, start up anti sprechi alla conquista dell’Italia

“Ho un negozio di alimentari e quasi tutti i giorni devo buttare grandi quantità di merce perché in scadenza o freschi che non è possibile rivendere il giorno dopo”

“Come cliente sono sempre alla ricerca di offerte e promozioni. Sarebbe comodo avere informazioni quotidiane sui negozi più vicini”

“Buttiamo tonnellate di cibo ancora buono che resta invenduto perché vicino alla scadenza, in questo modo accumuliamo rifiuti creando un danno all’ecosistema e disperdiamo risorse economiche”.

lmsc4Tre esigenze diverse, urgenze cui dare una risposta efficace, pratica e condivisa. E la soluzione l’hanno trovata Francesco Ardito e Massimo Ivul all’interno dell’incubatore del Politecnico I3P di Torino. Un anno e mezzo fa hanno dato vita alla start up Last Minute Sotto Casa, che dopo aver salvato 2 tonnellate e mezzo di cibo nella sola Torino ora si appresta a conquistare l’Italia.

La start up ha infatti incontrato un grande gruppo internazionale, la cooperativa francese UP, che in Italia è rappresentata da Day Ristoservice – Gruppo UP, nota per i buoni pasto, buoni regalo Cadhoc e servizi Welfare.

Da tempo il colosso dei servizi alle imprese e alle persone cercava una soluzione efficace a uno dei problemi presentati dagli esercizi convenzionati che ritirano quotidianamente buoni pasto. Si pensava a una soluzione interna fino a quando Simone Molteni di LifeGate, non ha messo in contatto Last Minute Sotto Casa con Day. L’idea semplice e geniale di Ardito e Ivul è sembrata subito perfetta e applicabile su un territorio esteso.

LMSC funziona in modo intuitivo: quotidianamente i negozi inseriscono sulla App le loro offerte promozionali con forti sconti su prodotti in scadenza o in giacenza. I consumatori che hanno scaricato l’applicazione sul loro smartphone ricevono avvisi in base a parametri scelti: distanza, tipologia di negozio e possono approfittare delle offerte presentate.

Day – Gruppo UP sosterrà LMSC nella crescita a livello italiano, coinvolgendo 110.000 LMSC2esercizi affiliati alla rete dei buoni pasto e 500.000 lavoratori che quotidianamente utilizzano il buono pasto per la pausa pranzo.

Alla presentazione del piano di crescita nazionale, cui era presente anche Enzo Lavolta, assessore al Comune di Torino che ha sostenuto il progetto fin dall’inizio, Marc Buisson, Presidente e AD di Day – Gruppo UP ha spiegato che il gruppo internazionale, presente in 17 Paesi è interessato a dare visibilità alla start up anche a livello europeo, dopo la sperimentazione italiana.

Di seguito il video dell’intervento di Buisson e Ardito:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *