header_magazine_personal

MylBread, la start-up che fa riscoprire il pane di una volta

E’ nata a Bologna una start-up innovativa ideata da giovani studenti e sostenuta da Day – Group UP, attenta alle novità che possono migliorare la vita delle persone. Si chiama MylBread il progetto che vuole far riscoprire i prodotti panificati naturali e tradizionali da tutte quelle persone che, a causa della mancanza di tempo, sono ormai abituati a prodotti industriali.

Consegna a domicilio o al lavoro con MylBread

Consegna a domicilio o al lavoro con MylBread

Con MylBread si possono acquistare prodotti e ceste di diverse tipologie di pane e prodotti dolciari biologici artigianali, provenienti da alcune panetterie della città di Bologna che garantiscono standard di qualità molto elevati. La consegna dei prodotti acquistati avviene a domicilio o al lavoro e sul sito oltre ad acquistare le singole ceste di prodotti si possono attivare abbonamenti per consegne programmate.

MylBread mette in relazione i panificatori che utilizzano prodotti quali il lievito madre, in grado di garantire una lunga conservazione e lavorazioni tradizionali con il consumatore finale, che ha modo di riscoprire sapori ed eccellenze che la produzione industriale non può garantire.

A fondare la startup, con la collaborazione di Day, azienda che opera nel mercato dei servizi alle imprese e alla Degustazione-pani-4kgpersona, e di Food Innovation Program è un gruppo di giovani che ha sviluppato l’idea a partire dell’evento Hackathon di settembre scorso presso Expo. Il tema centrale di Feeding Fair Hacking Malnutrition era la malnutrizione, sviscerato per due giorni attraverso incontri e dibattiti. In quell’occasione, insieme al Gruppo Up e ad altre realtà, è nato il progetto: il gruppo di giovani che poi ha fondato la startup, infatti ha lavorato su un focus riguardante il cambiamento delle abitudini alimentari, ideando Mylbread destinato originariamente al mercato tedesco. La sfida è partita analizzando la situazione di frammentazione dei panificatori in Germania che rende difficile la sopravvivenza sul mercato e spinge i consumatori a rivolgersi sempre di più alla grande distribuzione per l’acquisto del pane. I ragazzi volevano riunire piccoli e medi panificatori attraverso una piattaforma che desse loro la possibilità di mettere online i loro prodotti.

Mylbread1

MylBread è stato presentato a Parigi nell’autunno scorso presso la cooperativa sociale internazionale Group UP e sul palco del The Mont­Blanc Meetings (Les Rencontres du Mont­Blanc) a Chamonix ­Mont- Blanc.

Dall’ideazione alla concretizzazione il passo è stato breve e partendo da Bologna, la startup, innovativa ma nel solco di una tradizione secolare, ha l’ambizione di coprire quote sempre più ampie di territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.