header_magazine_personal

Pranzare di fronte al computer fa mangiare di più

 Flickr SerieOffice02 di Fabri Salvetti

Per molti di noi è diventata quasi un’abitudine mangiare davanti al computer, saltando la pausa pranzo, ma secondo una recente ricerca questo non fa che aumentare il nostro appetito.
Lo studio condotto su 44 uomini e donne, ha dimostrato che coloro che hanno mangiato a pranzo mentre giocavano al pc hanno finito per mangiare una maggior quantità di biscotti, trenta minuti più tardi, rispetto a chi aveva pranzato senza distrazioni. Secondo i ricercatori il motivo è che chi sta davanti al computer ha una memoria sfocata del pranzo e anche dopo avere mangiato si sente meno sazio rispetto al gruppo che ha mangiato al tavolo da pranzo.
Situazione simile è quando si consuma il pasto di fronte alla televisione invece che al tavolo della cucina, forse perché si dà maggiore attenzione allo schermo piuttosto che alle esigenze dello stomaco.
Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, ha coinvolto 44 volontari suddivisi in due gruppi. In uno, i partecipanti hanno mangiato un pranzo mentre si trastullavano al computer, nell’altro gruppo i soggetti, invece, hanno avuto lo stesso pasto, senza distrazioni. Ci sono delle prove secondo cui sia mangiare mentre si guarda la tv che farlo assieme agli amici aumenta l’apporto calorico rispetto a quando si mangia senza distrazioni. Si è anche scoperto che le persone che ascoltano una storia registrata durante il pasto consumano una maggior quantità di cibo.

Fonte : benessereblog

Foto: Flickr SerieOffice02 di Fabri Salvetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.