header_magazine_personal

Quando il vino fa bene (se è poco)

Lo dicono tutti: un bicchiere di vino a pasto fa bene alla salute! Solo uno però, e se immediatamente ci si deve porre alla guida forse è meglio evitare per essere lucidi il più possibile.

Tuttavia, se oramai è acclarato che una modica quantità di vino fa bene al cuore, la scelta tra vino bianco o rosso è sempre molto attuale. La differenza di lavorazione tra i due tipi di bevande sta nel fatto che per realizzare il rosso viene usata anche la buccia dell’uva, ricca di resveratolo (la sostanza che fa bene al cuore proteggendo i mitocontri delle cellule cardiache), mentre per il bianco solo la polpa del frutto.

La saggezza popolare da sempre ripete che “vino rosso fa buon sangue” e se finora la scienza aveva dato ragione alle nostre radici culturali, recenti studi hanno rivelato un’alta quantità di sostanza benefica anche nella polpa, dunque tra vino bianco e rosso non ci sarebbe differenza alcuna.
Attenzione però, l’effetto benefico vale solo per il nettare degli dei più famoso del mondo , non per gli altri tipi di alcolici o superalcolici, che tra l’altro possono alterare anche in modo rivelante i riflessi e provocare sonnolenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.