header_magazine_personal

Il sapere delle mani, il sapore di una terra: a Bologna torna Enologica

Si può conoscere un territorio a partire dalla bocca? Sì certo, è sufficiente scegliere e assaporare i suoi prodotti migliori, quelli nati dall’aria, dall’acqua, dalla terra locali, che dalla terra e da chi la calpesta hanno ereditato la tradizione, lo spessore, la personalità. Se anche voi siete amanti del turismo enogastronomico e se vi interessa scoprire l’Emilia Romagna a partire dai suoi prodotti d’eccellenza, dal 22 al 24 novembre 2014 potrete approfittare di Enologica, la manifestazione dedicata ai vini della regione, che ospiterà oltre 120 espositori nel sontuoso Palazzo Re Enzo a Bologna.

Enologica, alla sua diciassettesima edizione, avrà come tema conduttore la via Emilia, la lunga strada costruita 2200 anni fa, che attraversa tutta la regione esplorando i paesaggi e le risorse di uno dei distretti del food&drink più importanti d’Italia: una regione ricchissima di cose da vedere e da assaporare! I vini che si ottengono dai vigneti che vanno da Rimini a Piacenza hanno via via delle caratteristiche completamente diverse per storia, tradizioni e ambiente. Tutti però hanno in comune numerosi esempi di grande successo e una qualità riconosciuta da consumatori ed esperti.

L’edizione 2014 di Enologica ripropone il tradizionale appuntamento con il Caravanserraglio, cioè il cartellone di interviste, dibattiti, conversazioni, racconti. Quest’anno il Caravanserraglio racconterà 10 personaggi dell’Emilia-Romagna (uno per provincia, più uno per Bologna città) che hanno fatto la storia dell’enogastronomia regionale nel novecento. La sapienza delle mani sarà al centro del Teatro dei cuochi, un gioco di racconti e gesti incentrato sui grandi ristoratori e cuochi della regione: persone che con i loro gesti, con le loro mani di artigiani, preservano le tradizioni e ne sono testimoni. Nei 10 appuntamenti in programma si vedranno al lavoro mani che impastano, che tirano la sfoglia, che farciscono, condiscono, tagliano, assemblano, scelgono, creano e così facendo tramandano. Infine l’area Genius Loci, una delle novità dell’edizione 2014 di Enologica: ogni giorno in quest’area alcuni chef si avvicenderanno nell’interpretazione di un prodotto della regione, facendolo diventare la farcitura per un panino, servito in abbinamento a un vino della regione. 

Assaggi e degustazioni di Sangiovese, Albana, Pignoletto, Lambrusco, Malvasia, Gutturnio accompagneranno i visitatori di Enologica lungo un percorso di esplorazione che, partendo dalle labbra, coinvolgerà tutti i sensi: gusto, olfatto, tatto ma anche vista e udito, evocando sorso dopo sorso i diversi territori della regione. Inoltre sarà possibile incontrare e confrontarsi direttamente con i produttori dei vini, per capire in che modo ogni bicchiere raccolga le passioni, le esperienze, le storie di chi lo ha prodotto.

Per saperne di più su Enologica e sul suo ricco programma visitate il sito www.enologica.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.