header_magazine_personal

Soylent: il frullato che sostituisce i cibi di tutti i giorni

Le abbuffate pasquali vi hanno lasciato un po’… appesantiti? State meditando una dieta depurativa e salva silhouette? Bene, abbiamo una notizia che forse vi farà rivalutare le leccornie trangugiate. Lo studioso Rob Rhinehart ha dichiarato di essersi stancato della “fatica” legata al cibo, cioè di fare cose come preparare, cuocere, masticare gli alimenti… (???) Per questo motivo ha deciso di sviluppare la ricetta di un frullato che dovrebbe contenere tutte le sostanze nutritive che sono necessarie al corpo per funzionare bene: vitamine, minerali, carboidrati, amminoacidi essenziali, grassi.

Il cocktail è di colore beige e inodore (informazioni sul gusto non sono date a sapere e noi non osiamo immaginarle!) e porta un nome fantascientifico: Soylent. L’ingegnoso (ma pigro) inventore ha commentato la sua creazione dicendo che essa potrebbe essere un nuovo modo di affrontare i problemi di cibo e di fame nel mondo.

Sarà, ma noi non abbandoneremmo mai la varietà dei cibi, la magia delle percezioni sensoriali, il piacere di mangiare dei piatti sempre nuovi, che parlano di tradizioni, tecniche e culture differenti. Né tanto meno rinunceremmo alla soddisfazione di scegliere con cura le materie prime e di trasformare gli ingredienti in qualcosa di nuovo e unico, deliziosamente piacevole al palato e meravigliosamente foriero di momenti conviviali.

Insomma, mangiare non è solo alimentarsi. Il cibo non è solo un elemento necessario alla vita, ma anche una componente che innalza la qualità della vita stessa.

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.