header_magazine_personal

Il tuo lavoro non ti piace? Ecco come aprire un’attività in rete

La rete cambia le nostre vite e il nostro lavoro. Tanto da poter diventare la risposta ad una situazione lavorativa che non ci piace. Ci offre la possibilità di uscire dallo schema del lavoro precario, dipendente, limitante. Diventando WWWorkers. Questo termine è stato coniato da Giampaolo Coletti, che sul fenomeno dei WWWorkers ha scritto un libro. Con questo termine Coletti denomina i lavoratori della rete, quel fenomeno tutto nuovo, in Italia, che vede le persone abbandonare il lavoro dipendente e precario per mettersi in proprio sul web.

I World Wide Workers sono lavoratori non necessariamente giovani e abituati all’uso di internet. Questo fenomeno è trasversale, e riguarda tutte le fasce d’età. Ma in che cosa consiste esattamente? Il WWWorker apre la propria attività sul web, proprio come farebbe all’angolo di una strada. Può essere un negozio on-line, un sito di consulenti di comunicazione, un blog, un sito che offre servizi agli anziani, e qualsiasi altra cosa. Si apre la partita iva, ci si iscrive ad una particolare categoria e si sistema la posizione previdenziale con l’Inps. E si è pronti a partire con la propria attività in rete, diventando lavoratori autonomi, ma soprattutto lavorando grazie alle propria creatività e scommettendo su se stessi.

Tutte le dritte su come partire si possono trovare nel libro di Giampaolo Coletti WWWorkers. Una volta avviata la propria attività la si può condividere con gli altri WWWorkers, aggiungendola alle già tante testimonianze di chi ha fatto delle proprie passioni un lavoro in rete.

 

2 Comments

  1. Federico Reply

    Buongiorno,

    complimenti per la cura e la passione che mettete nel blog; credo potrebbe interessare molto alla società per cui lavoro: è possibile mettermi in contatto con chi si occupa della pubblicità? Scusate se uso un commento, ma ho trovato solo modi per inviare una mail a un amico e non alla redazione stessa…

    Federico

  2. Mister D. Post author Reply

    Gentile Federico,
    le chiediamo di inviare gentilmente una mail a info@day.it con i suoi riferimenti e verrà contattato al più presto dal nostro ufficio marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informa che questo sito, previo suo consenso, utilizza cookie anche di terze parti, che potrebbero inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l'informativa. Per esprimere il consenso o negarlo a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Cliccando su Accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie anche di profilazione.